Pneumatica



Gli esperimenti sulle proprietà del vuoto, dell'aria e della pressione atmosferica

Le notizie sul vuoto e la pressione atmosferica suscitarono interesse in tutta Europa. Esperimenti vennero subito svolti a Londra dagli studiosi che dettero poi vita alla Royal Society e a Firenze dall'Accademia del Cimento, fondata dal Granduca di Toscana nel 1657.
Si studiarono ad esempio le variazioni della pressione atmosferica secondo l'altitudine e le condizioni meteorologiche, o la propagazione nel vuoto del calore, del suono e della luce. Pesci ed insetti venivano messi nel vuoto e osservati.
Famosissimo l'esperimento di Otto von Guericke, borgomastro di Magdeburgo, il quale propose nel 1654 i cosiddetti "emisferi di Magdeburgo", due mezze sfere all'interno delle quali rarefaceva l'aria e che risultavano difficilissime da separare, dimostrando così l'azione della pressione atmosferica
La maggior parte delle esperienze, spesso spettacolari, proposte in quel periodo diventarono dimostrazioni classiche, che rimasero in voga sia nel XVIII sia nel XIX secolo.



Emisfero di Magdeburgo, non firmato, XVIII secolo

  Emisferi di Magdeburgo, non firmati, XIX secolo


Campana per esperimenti nel vuoto, firmata "Rodella fece in Padova", 4/4 XVIII
Alla sommità della campana posta sul piatto di una pompa pneumatica si avvitava un recipiente dal quale del liquido veniva lasciato cadere nel vuoto, per tentare miscele particolari in aria rarefatta.

  Recipiente per esperimenti in aria compressa, detto anche condensatore, non firmato, 2/2 XVIII secolo




Esperimenti classici di pneumatica
1) Mettiamo nel vuoto un palloncino mezzo sgonfio (si usava nel 700 una vescica di maiale). Si rigonfia: perché? Perché la pressione interna è ora maggiore della pressione esterna (Roberval; Accademia del Cimento, 1657-1667).

Apri la scheda!
2) Poniamo una suoneria nel vuoto: il suono non è più udibile, non si propaga infatti nel vuoto.

3) Mettiamo dell'acqua in aria rarefatta: inizia a bollire a temperatura ambiente, poiché la temperatura di ebollizione dipende dalla pressione esterna.





Mappa
Pagina 1 Pagina 2 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5
Prosegui la visita

© 2004 Museo di Storia della Fisica - Università degli Studi di Padova